Comune di Genivolta

Struttura della pagina:

Testata e utilità

Canali

Colonna laterale

Linea diretta

Comune di Genivolta
Via Castello, 14
26020 Genivolta (CR)

tel. 0374/68522
fax 0374/68862

Caselle posta elettronica

Posta Elettronica Certificata

Fatturazione elettronica

Codice univoco ufficio: UFSKVL
Nome ufficio: Uff_eFatturaPA
Dove trovo l'Iban per effettuare un bonifico?

Informazioni relative alla IUC - Imposta Unica Comunale

Vai all'albo pretorio

Permesso di Costruire in Variante al PGT in procedura SUAP ┬źDelma Srl┬╗

Vai alla pagina dei fotoalbum

Webmaster:
Link al sito di EMME3

Menù briciole di pane

Sei in Home > Territorio > Storia > La parrocchia > Il culto di san Lorenzo Martire

Sommario della pagina

Contenuto

Il culto di san Lorenzo Martire

La statua di san Lorenzo sulla chiesa parrocchialeIl contesto storico in cui visse san Lorenzo ci racconta di anni assai tribolati per i cristiani: dopo i grandi festeggiamenti degli anni 237-238 per i mille anni della città di Roma, venne ucciso l'imperatore Filippo, di orgini siriane; il mandante fu Decio grande persecutore dei cristiani, che morì in guerra nel 251. Gli successe nel 253 Valeriano che quattro anni dopo ordinò una nuova persecuzione anticristiana.

Erano anni di grande crisi per l'impero romano, minacciato dai popoli germanici e persiani. In tale contesto visse Lorenzo, della cui vita, in realtà si sa poco o nulla: alcune fonti lo definiscono come arcidiacono di papa Sisto II, con il compito di assistere il pontefice durante la celebrazione dei riti religiosi.

Le persecuzioni di Valeriano furono, agli inizi, meno cruente di quelle ordinate da Decio, limitandosi al divieto delle adunanze e dei riti ma non venne richiesto di rinnegare la fede cristiana. Ma ai primi di agosto del 258 Valeriano ordinò la morte di vescovi, preti e lo stesso ponteficie Sisto II. Pare che Lorenzo riuscì a conferire con Valeriano prima della condanna, quindi venne fermato dal prefetto imperiale intimandogli la consegna dei "tesori".

Lorenzo parrebbe essere riuscito a guadagnare tempo e distribuire ai poveri le poche offerte di cui era amministratore. Poi avrebbe condotto davanti al prefetto gli storpi, i malati e i derelitti presentandoli come "i tesori della Chiesa". Questo gesto fu la sua condanna a morte eseguita in maniera crudele: bruciato sopra una graticola.

Studi posteriori, tuttavia, ritengono questo martirio leggendario e privo di fondamento: probabilmente Lorenzo fu decapitato il 10 agosto del 258 come papa Sisto II, il vescovo Cipriano e molti altri religiosi.

Il corpo di Lorenzo fu deposto in una tomba sulla via Tiburtina a Roma, dove su di essa, in seguito, fu costruita da Costantino una basilica poi ingrandita nei secoli successivi.

Bibliografia

  • Domenico Agasso, San Lorenzo Diacono e martire, in Santi e Beati

- Torna in alto Il culto di san Lorenzo Martire - La parrocchia - Storia - Territorio - Home - Sommario pagina

Pié di pagina