Comune di Genivolta

Struttura della pagina:

Testata e utilità

Canali

Colonna laterale

Linea diretta

Comune di Genivolta
Via Castello, 14
26020 Genivolta (CR)

tel. 0374/68522
fax 0374/68862

Caselle posta elettronica

Posta Elettronica Certificata

Fatturazione elettronica

Codice univoco ufficio: UFSKVL
Nome ufficio: Uff_eFatturaPA
Dove trovo l'Iban per effettuare un bonifico?

Informazioni relative alla IUC - Imposta Unica Comunale

Vai all'albo pretorio

Permesso di Costruire in Variante al PGT in procedura SUAP ┬źDelma Srl┬╗

Vai alla pagina dei fotoalbum

Webmaster:
Link al sito di EMME3

Menù briciole di pane

Sei in Home > Territorio > Storia > La parrocchia

Sommario della pagina

Contenuto

La parrocchia

Carta delle parrocchie della zona pastorale 3La parrocchia di san Lorenzo martire di Genivolta appartiene alla diocesi di Cremona.

Tra le fonti di carattere generale, è citata come capopieve nel 1385 nel Liber Synodalium; è menzionata nel 1599 negli atti della visita pastorale compiuta dal vescovo Cesare Speciano, quando risultava inserita nel vicariato foraneo di Soresina.

Tra XVI e XVIII secolo, il clero nella parrocchia di San Lorenzo martire risultava composto dal parroco nel 1599; un parroco, un cura coadiutore e tre sacerdoti nel 1786. Nel 1599, inotre, risultava esistente la confraternita del Corpus Domini.

Nel 1781, secondo la nota specifica delle esenzioni prediali a favore delle parrocchie dello stato di Milano, l'arcipretura di San Lorenzo possedeva fondi per 804,4 pertiche; il numero delle anime, conteggiato tra la Pasqua del 1779 e quella del 1780, era di 1017.  Nel 1786 la rendita netta del beneficio parrocchiale assommava a lire 300. Nel 1786 il numero dei parrochiani era di 1037 unità e 1060 nel 1807.

Entro i confini della parrocchia di Genivolta erano segnalati nel 1786 l'oratorio di San Rocco e un oratorio in località Brugnano.

La parrocchia di Genivolta è sempre stata inserita tra XVIII e XX secolo e fino al 1975 nel vicariato foraneo di Soresina. In base al decreto 29 settembre 1975 del vescovo Giuseppe Amari, con cui è stata rivista l'organizzazione territoriale della diocesi cremonese, è stata attribuita alla zona pastorale 3 (decreto 29 settembre 1975).

Bibliografia

Pié di pagina